L’attività di ricerca di Diversity ha come obiettivo la comprensione e l’analisi dell’inclusività nella rappresentazione delle persone nei media.

Il Diversity Media Watch (DMW) è l’osservatorio attraverso cui Diversity opera un monitoraggio annuale dei media italiani attraverso l’analisi delle notizie dei siti specializzati in tematiche di genere, età, orientamento, disabilità ed etnia, e/o in programmi televisivi o cinematografici e l’osservazione di un centinaio di pagine Facebook di organizzazioni e associazioni nazionali e internazionali su questi temi.

Con il Diversity Media Report (DMR) dal 2004 viene monitorata l’informazione anche grazie alla collaborazione con Osservatorio di Pavia; e dal 2015 con il DMR si osserva e valuta l’intrattenimento, sulla base dell’inclusività dei Prodotti mediatici trasmessi durante l’arco dell’anno e con il supporto di un comitato sceintifico accademico pluridisciplinare.

METODOLOGIA

Lattività di ricerca di Diversity, che è alla base dei Diversity Media Awards, ha come obiettivo comprendere, analizzare e misurare l’inclusività nella rappresentazione delle persone nei media.

DIVERSITY MEDIA WATCH (DMW)

Il DMW è un monitoraggio costante a cura di Diversity, compiuto attraverso l’analisi delle notizie dei siti specializzati in tematiche di genere e identità di genere, orientamento sessuale e affettivo, età, disabilità ed etnia, e l’osservazione di pagine Facebook di organizzazioni nazionali e internazionali attive su questi temi. 

DIVERSITY MEDIA REPORT (DMR)

Il Diversity Media Report (DMR) ogni anno sintetizza il lavoro di ricerca e analisi  sull’inclusività della rappresentazione delle persone nei media in due ambiti: informazione e intrattenimento. L’informazione viene monitorata dal 2005 in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia; l’intrattenimento dal 2015 con il supporto della Commissione di Diversity, composta di esperti e rappresentanti del mondo accademico per le tematiche affrontate.

La valutazione dei prodotti mediali mira a determinare la qualità del messaggio, il suo livello di rispetto e correttezza, e l’efficacia del messaggio stesso, ovvero quanto sia in grado di coinvolgere l’audience in termini di diffusione. Gli strumenti di analisi sono distinti in due schede di valutazione messe a punto ad hoc, aggiornate annualmente, proprio per le caratteristiche intrinseche che differenziano le aree informazione ed intrattenimento.

DMR – INFORMAZIONE

Il DMR Informazione, a cura di Diversity e Osservatorio di Pavia, è dedicato alle categorie di TV e Stampa e Web.

TV

L’analisi è distinta in quantitativa e qualitativa.

Analisi quantitativa – Vengono rilevate ogni anno le notizie del Tg1 20.00, Tg2 20.30, Tg3 19.00, Tg4 18.55, Tg5 20.00, Studio Aperto 18.30, Tg La7 20.00 indicizzate e archiviate nel database dell’Osservatorio di Pavia, per temi ed eventi pertinenti relativamente a genere e identità di genere, orientamento sessuale e affettivo, età, disabilità ed etnia.

Analisi qualitativa: le notizie pertinenti vengono analizzate, dopo la visione dei singoli servizi Tg, in base alla scheda di valutazione per l’informazione.


STAMPA E WEB

Selezione degli articoli

Per rispettare i criteri di rilevanza e diffusione, Diversity individua:

  • le 20 testate cartacee (10 quotidiani, 5 settimanali, 5 mensili) più vendute sul territorio nazionale secondo i dati Audipress riferiti all’anno oggetto di analisi;
  • le 20 testate web più visualizzate sul territorio nazionale secondo i dati Audiweb riferiti all’anno oggetto di analisi;

In un secondo momento, Diversity richiede direttamente alle redazioni l’invio di minimo due articoli pertinenti per i temi genere e identità di genere, orientamento sessuale e affettivo, età, disabilità ed etnia.

Gli articoli vengono quindi sottoposti all’analisi in base alla scheda di valutazione dell’informazione.

DMR – INTRATTENIMENTO

Il DMR Intrattenimento analizza i prodotti mediali (film italiani, serie tv italiane e straniere, programmi tv e radio, pubblicità, prodotti digitali) trasmessi, resi disponibili o proiettati nel corso dell’anno solare precedente, raccolti attraverso segnalazioni dal basso così da soddisfare un criterio di rilevanza. Le segnalazioni sono incrociate con quelle raccolte nel corso del monitoraggio compiuto dal Diversity Media Watch (l’Osservatorio di Diversity).

I prodotti mediali individuati come pertinenti e rilevanti sono poi analizzati attraverso la compilazione di una scheda di analisi* validata dalla Commissione di Diversity, composta di esperti e rappresentanti del mondo accademico per le tematiche affrontate.

*La scheda raccoglie:

  1. alcune informazioni generali (data e fascia oraria di messa in onda, tipologia del prodotto);
  2. la centralità del tema nel prodotto (su una scala da 0 a 10);
  3. il livello di approfondimento del tema (su una scala da 0 a 10);
  4. la presenza di informazioni inessenziali e/o rinforzanti stereotipi; (SI O NO?)
  5. il livello di correttezza del linguaggio;
  6. l’uso di immagini stereotipate o sensazionalistiche;
  7. il numero di personaggi o persone legate al tema affrontato;
  8. la profondità della descrizione del personaggio (è unicamente o principalmente definito dalla sua appartenenza ad una delle categorie in esame?)
  9. il ruolo (le persone  presenti sono essenziali allo svolgimento della trama o del programma? Ovvero tale/i che la sua/loro rimozione avrebbe un impatto significativo sulla trama/programma?
  10. le osservazioni sul prodotto di chi ha compilato la scheda d’analisi.

INDIVIDUAZIONE DEI VINCITORI

I prodotti vincitori per le categorie dell’Informazione (servizio TG, articolo stampa e articolo web) sono stabiliti da Diversity sulla base della valutazione qualitativa emersa dall’analisi.

I prodotti  e i personaggi nominati per le categorie dell’intrattenimento (film italiani, serie TV italiane e straniere, programmi TV e radio, pubblicità, prodotti digitali, influencer e personaggio dell’anno) derivati dagli esiti della ricerca (Diversity Media Report), sono poi messi al voto online aperto a tutti dal sito di diversitylab.it.

Il voto online dura per tutto il mese precedente all’evento ed è parte integrante del progetto di comunicazione che ha lo scopo di diffondere la cultura dell’inclusione valorizzando tutti i prodotti nominati ai DMA.

I prodotti e i personaggi vincitori per le categorie dell’intrattenimento sono stabiliti attraverso un sistema misto (50% esito della ricerca Diversity, 50% voto online)

Vincitrici e vincitori saranno comunicati solamente durante la serata di premiazione dei Diversity Media Awards.

DIVERSITY MEDIA AWARDS (DMA)

I Diversity Media Awards sono l’evento conclusivo di un progetto di comunicazione volto a favorire la cultura dell’inclusione nella società.

I DMA premiano i prodotti e personaggi mediali che si sono distinti per una rappresentazione valorizzante ed inclusiva delle persone per temi di genere e identità di genere, orientamento sessuale e affettivo, età, disabilità ed etnia nel corso dell’anno precedente.

I DMA si tengono a fine maggio a Milano e si presentano come un grande evento mediatico, trasmesso in diretta streaming, composto di uno show e di un gala dinner.

COMITATO SCIENTIFICO

Roberto Baiocco, Università Sapienza di Roma

Sandro Castaldo, Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano

Fabio Corbisiero, Università Federico II di Napoli

Marilisa D’Amico, Università degli Studi di Milano

Fiorenza Deriu, Università Sapienza di Roma

Laura Fruggeri, Università degli Studi di Parma

Luca Marini, Università Sapienza di Roma

Luca Rollè, Università degli Studi di Torino

Alexander Schuster, Università degli Studi di Trento

Paolo Valerio, Università Federico II di Napoli

Nicla Vassallo, Università degli Studi di Genova

Tiziana Vettor, Università degli Studi Bicocca